Serie B: la Sicoma Valdiceppo chiude il roster con Jonas Bracci

Categoria: Basket Pubblicato: Martedì, 16 Agosto 2016 Scritto da Redazione

887 previewCe lo vedete coach Pierotti schivare un gavettone, dribblare una secchiata d’acqua in arrivo o schivare di un soffio gli schizzi alla piscina ‘Camping sul Mare’ di Cesenatico proprio il giorno di Ferragosto? Eppure più o meno le cose sono andate così, sacrifici che bisogna fare se alla squadra serve un pivot, e se il centro che stai inseguendo l’estate la passa a bordo vasca, con la maglia di assistente bagnanti.


Il ‘Baywatch’ in questione risponde al nome di Jonas Bracci, nome di origine olandese come la mamma, cognome invece romagnolo come il papà. Vent’anni, (è nato nel 1996) 204 centimetri, Jonas avrà dunque l’incarico di proteggere l’area ponteggiana. Ruolo che richiede coraggio da vendere, che però non per forza corrisponde ad altrettanta baldanza quando si tratta di rispondere a qualche domanda. ‘Sta cosa m’impanica sempre’ risponde strisciando la esse com’è tipico in riviera. Poi però si scioglie e ci racconta: ‘Ho inziato a giocare qui a Cesenatico a 6 anni e con la Polisportiva Cervia-Cesenatico ho fatto tutte le giovanili fino alla under 19, che invece ho giocato a Ravenna. Quella è stata la stagione più importante, perché siamo riusciti a vincere la finale del campionato Elite contro Tigullio, conquistando il titolo italiano.”
Tanto per cambiare, però, il passaggio dal vivaio alla prima squadra non è stato dei più agevoli. Nella stagione 14-15 parte per Isernia in serie B insieme al fratello Matteo, di un anno più grande, del quale spesso è il sostituto. Una squadra giovane e sfrontata, nella quale si ritaglia uno spazio crescente e con la quale conquista la salvezza. Passa allora a Somma Lombarda nel difficile campionato di C Gold, l’obiettivo è proseguire nel percorso anche grazie agli allenamenti individuali del mattino, che svolge a Legnano con coach Ferrari. Ma la ‘Nelson’ è formazione esperta e conquistare minuti si rivela un’impresa complicata.
‘Non è stata la stagione che mi aspettavo davvero. Mi sono trovato bene fuori dal campo, ma ho giocato poco e mi è dispiaciuto parecchio. Comunque ci siamo salvati al primo turno, anche se speravo di poter dare un contributo più importante.’
Doti fisiche e atletiche fuori discussione, Bracci dovrà dare consistenza difensiva, blocchi, presenza a rimbalzo. Coach Pierotti però non si accontenta ‘Ha caratteristiche che ci mancavano, che ci permetteranno di usare anche quintetti con più chili e centimetri, da lui ci aspettiamo grande motivazione, dedizione al lavoro. Ingredienti attraverso i quali siamo certi potrà fare anche molti progressi sul piano tecnico e rendersi pericoloso anche in fase offensiva. Gli stiamo dietro fin dalla settimana del Summer Camp a Giugno, il contatto è arrivato grazie all’amicizia con Stefano Pillastrini. Poi ha partecipato qualche settimana fa ad un allenamento con noi e pur essendo fermo da un mese per via di un piccolo intervento ha dato il massimo e mostrato un potenziale da sviluppare’.
Premesse buone, dunque, accordo formalizzato e roster ormai al completo, a meno di una settimana dal via ufficiale della preparazione.

Articoli correlati

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie..

  
EU Cookie Directive Module Information