Pallacanestro Serie B: la Valdiceppo domina per 15 minuti, poi la capolista recupera e vince

Categoria: Basket Pubblicato: Domenica, 22 Gennaio 2017 Scritto da Redazione

Sicoma Valdiceppo – Poderosa Montegranaro 63-80
PARZIALI: 23-19, 22-22, 11-25, 11-14
SQUADRA A: Valdiceppo: Meccoli 14, Bracci, Negrotti, Burini 13, Panzieri, Casuscelli 7, Meschini 13, Orlandi 12, Giovagnoli 4, Anastasi. All. Pierotti
SQUADRA B: Poderosa Montegranaro: Di Viccaro 15, Broglia 15, Bedetti 8, Dip 18, Gueye 6, Milojevic, Paesano 3, Callara, Marzullo 5, Diomede 10. All. Ceccarelli

Per nulla intimorita dal valore degli avversari, che si presentavano al PalaCestellini con un bilancio di una sola sconfitta e 14 vittorie consecutive, i ragazzi di coach Pierotti partono alla grande, giocando una pallacanestro spettacolare fatta di giocate in campo aperto e improvvise soluzioni dalla distanza. Sono ben cinque le triple a bersaglio per Burini e soci nel primo quarto, con Montegranaro in palese difficoltà nell’arginare la piena. Forse i migliori 15 minuti mai visti al Palacestellini per precisione al tiro, circolazione della palla, conclusioni acrobatiche al ferro, qualità del gioco espresso. Il problema per i padroni di casa è ancora una volta quello di proteggere la propria area in difesa, e le ricezioni profonde di Dip nel pitturato sono un rebus davvero difficile da risolvere. Trascinata da Meschini, Burini e capitan Casuscelli la Sicoma accumula fino a 15 lunghezze di vantaggio, ma progressivamente a ridosso della sirena di metà campo perde la presa sulla partita. A rimettere in corsa i marchigiani sono soprattutto i tiri liberi: le statistiche sono impietose, venti quelli tirati in metà partita dalla Poderosa, uno solo invece per la Valdiceppo. Un dato che non esime certo i due arbitri da responsabilità importanti nella valutazione dei contatti e nella gestione della gara, tanto da scontentare entrambe le panchine, frutto di un atteggiamento che è riuscito ad innervosire tutti. Ma certamente parla anche delle difficoltà da parte dei ponteggiani nel fare i conti con la fisicità e la mole degli avversari. Le frequenti gite in lunetta spezzettano la gara, fanno perdere alla Sicoma il ritmo indiavolato che le aveva permesso di scappare nel punteggio, e pur andando negli spogliatoi avanti di 4 sulle facce dei giocatori in maglia bianca non si legge nulla di buono.
Previsione facile in effetti, perché Diomede e soci, passata la grande paura dell’inizio si rimettono a giocare, cominciano a segnare anche dalla distanza con Di Viccaro e Bedetti approfittando del fatto che il coach Pierotti è largamente costretto a ricorrere alla zona per proteggere i suoi dai falli. E soprattutto fanno il vuoto a rimbalzo: i chiodi sulla bara li pianta Broglia, per riesce a conquistare per 4 volte consecutive il rimbalzo offensivo, vanificando gli sforzi difensivi dei ponteggiani nel contrastare il tiro, e si porta a casa canestro e spesso fallo. Insomma, Montegranaro si mette a giocare la sua pallacanestro e non ce n’è più, nonostante un Meccoli salti sistematicamente il suo nell’uno contro uno, nonostante Orlandi non molli un centimetro fino alla fine. Non manca qualche contatto sopra le righe, a testimoniare che nessuno farà un passo indietro. Ma il punteggio nonè più in discussione, finisce 63-80.

Articoli correlati

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie..

  
EU Cookie Directive Module Information