Il Perugia a Salerno pareggia, ma quanti rimpianti…

Categoria: Calcio Pubblicato: Sabato, 31 Ottobre 2015 Scritto da Redazione

SalernitanaPg1Il Perugia a Salerno ha praticamente gettato al vento una vittoria, che sembrava legittima, il pareggio è stato uno schiaffo al gioco espresso dal Perugia, ma queste sono partite che si possono anche perdere.


C A M P I O N A T O S E R I E B 2015-2016
10 ^ giornata Sabato 31 Ottobre 2015 Stadio ” Arechi ”
S A L E R N I T A N A 1- 1 P E R U G I A

Salernitana: Strakosha, Pestrin, Lanzaro (Dal 15′ Franco), Colombo, Coda, Gabionetta,Empereur, Sciaudone (Dal 58′ Troianello), Odjer, Milinkovic (Dal 68′ Donnariumma), Rossi.
A DISP. Terracciano, Pollace, Perrulli, Ronchi, Trozzo, Nappo. ALL. V. TORRENTE
Perugia: Rosati; Del Prete, Volta, Belmonte, Alhassan, Della Rocca, Zebli, Lanzafame,
Zapata (Dal 30′ Parigini e Dal 55′ Spinazzola), Ardemagni, Fabinho (Dal 79′ Drolè).
Parigini (40′ st Zapata), Spinazzola (1′ st Taddei); Ardemagni.
A DISP. Zima, Comotto, Rossi, Mancini, Taddei, Di Carmine. ALL. BISOLI
Arbitro Fabrizio Pasqua della sezione di Tivoli, ma, nativo di Nocera Inferiore
Assistenti Luca Mondin di Treviso e Dario Cecconi di Empoli Assistenti
RETI 24′ Franco, 48′ Ardemagni (Pg)
Ammonizioni Pestrin, Odjer e Rossi della Salernitana – Rosati del Perugia
Angoli : 10 a 7 per la Salernitana
Recupero : 2′ p.t. – 4′ s.t.
Spettatori :10.000 circa di cui 200 supporter del Perugia

Commento  sulla partita

Sulla terna arbitrale non facciamo nessun commento anche se Fabrizio Pasqua è nativo della provincia di Salerno. Per la precisione di Nocera Inferiore anche se dalla sezione di Tivoli. Comunque l’arbitro ci ha messo del suo.  Dopo 5′ minuti di gioco quando non viene presa in considerazione lo sgambetto in area di un difensore della Salernitana su Lanzafame che si trovava a tu per tu con il portiere avversario. Poi sul vantaggio della Salernitana, quando non è intervenuto sul primo cross, conseguente ad un calcio d’angolo, dove un attaccante campano ha impedito a Rosati di fare sua la palla dentro l’area piccola dell’area di rigore.


Primo Tempo
Inizia meglio il Perugia che come detto dopo 5′ minuti reclama un sacrosanto rigore, al 12′ è la Salernitana a sfiorare la rete, quando Coda colpisce la traversa, sulla ribattuta, Sciaudone a porta vuota si fa deviare la sfera in angolo da Belmonte. Poi un minuto dopo su un preciso passaggio di Lanzafame, Ardemagni sbaglia un rigore in movimento, tutto solo davanti a Strakosha mette fuori da non più di 10 metri alla sinistra del portiere.
Al 24′ gol della Salernitana con l’ex Franco, abile di testa beffa la retroguardia del Perugia. Rete dei campani nel miglior momento del Perugia.
Dopo il gol piccolo sbandamento della squadra di Bisoli, poi nel finale di tempo due chiare occasioni del Perugia, la prima con Lanzafame che appostato dentro l’area, da buona posizione, si fa ribattere la palla dal difensore in calcio d’angolo. Sul susseguente angolo la difesa della Salernitana ribatte la sfera fuori area, dove sopraggiunge Del Prete, che calcia la palla deviata da un difensore termina di pochissimo sul fondo alla destra del portiere.
Secondo tempo:
Perugia più determinato, azione sulla sinistra di Lanzafame che serve in un corridoio la sfera a Parigini che dal fondo effettua il cross al centro dell’attacco c’è Ardemagni che anticipa il proprio marcatore e mette alle spalle del portiere della Salernitana. Adesso il Perugia ci crede, poco dopo su un’azione simile Ardemagni colpisce la palla ma questa era diretta proprio sulla testa di Del Prete, ma la piccola deviazione causata dall’intervento di Ardemagni nega il gol al Perugia.
Al 60′ Punizione dal limite calciata da Lanzafame appena sopra la traversa.
Il Perugia non riesce a passare nonostante le tante opportunità e dalla metà del secondo tempo è la Salernitana a prendere le redini del gioco. A questo punto al Perugia prevale più la paura di perdere che non la voglia di vincere. Al 77′ Coda con un tiro dalla distanza impegna Rosati la cui deviazione manda la palla in corner, poi l’occasione sciupata da Coda che da pochi metri tira debolmente, Rosati ringrazia e si accartoccia per afferare la sfera.
Dopo lo scampato pericolo all’88’ è il Perugia che sbaglia l’incredibile, la palla rimbalza più volte in area la difesa della Salernitana non riesce a liberare, e Ardemagni prima, Lanzafame e Drolè poi tirano ma i tiri vengono miracolosamente ribattuti, ma la palla rimane ancora in area e questa volta la palla buona, capita a Massimo Volta che da pochi passi con il portiere ormai disperato in tuffo mette la palla alta sopra la traversa. E’ l’epilogo di una partita giocata bene dal Perugia che senza nessun dubbio poteva vincere, ma queste partite  si possono anche perdere.

Le dichirazioni di Bisoli e Torrente
Bisoli si è prima rammaricato sugli episodi del direttore di gara a parer suo non condivisibili sia sul rigore non dato al Perugia che sul fallo non fischiato ai danni di Rosati, sul gol della Salernitana. Poi per la mancata vittoria del Perugia, nonostante la buona prestazione della squadra. Squadra che costruisce tanto in trasferta deve assolutamente vincere.  Infine non gli è piaciuto l’atteggiamento della squadra quando nel secondo tempo c’erano azioni dall’una e dall’altra parte, voleva passare al 4-3-3 ma i giocatori non riuscivano a capirlo, perchè lui non era stato capace di informarli bene perchè c’era troppo rumore nel catino dell’Arechi” e i suoi giocatori non capivano.
Per quanto riguarda Torrente ha detto che per lui il risultato di parità era giusto, entrambe le squadre hanno giocato per vincere, sulle questioni arbitrali ha detto che c’era anche per la Salernitana un calcio di rigore, e se Coda avesse messo la palla alle spalle di Rosati a 10′ minuti dalla fine, il risultato sarebbe stato che avrebbe vinto la Salernitana.

Pierluigi Corridori –

Articoli correlati

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie..

  
EU Cookie Directive Module Information